giovedì 3 luglio 2014

Passione chiamata cucito: Call me Mimì

Buon pomeriggio ai nostri lettori!
Oggi vi portiamo il percorso di Lucia che per dare forma al suo marchio ha preso ispirazione dalla Bohème di Puccini:

Sì. Mi chiamano Mimì,
ma il mio nome è Lucia.
La storia mia è breve.
A tela o a seta
ricamo in casa e fuori ...
Son tranquilla e lieta
ed è mio svago
far gigli e rose.
Mi piaccion quelle cose
che han si dolce malia,
che parlano d'amor, di primavere,
che parlano di sogni e di chimere,
quelle cose che han nome poesia...



Adoro da sempre i filati, i tessuti ed i complementi vintage. 
Creo accessori d'abbigliamento utilizzando tecniche come la maglia, l'uncinetto e il cucito. Cerco di dare un volto nuovo e moderno a lavorazioni tipiche del passato.

Ho preso in mano per la prima volta un uncinetto all'età di 6 anni.. ed è stato  amore da subito.. è stato un po' come se avessi trovato la mia dimensione naturale.
Ho iniziato immediatamente a creare: facevo centrini con gli avanzi di lana che trovavo in casa che diventavano così tappeti o coperte per le bambole.
Da allora non ho mai smesso.. ho sempre confezionato accessori per me, per le amiche, per le amiche delle amiche... ed ho desiderato da subito sperimentare nuove tecniche o sviluppare nuove idee.


L'ispirazione spesso me la regalano i materiali stessi: quando mi capita di trovare un bel filato, o un tessuto o uno stock di bottoni vintage provo ad immaginarli immediatamente come un nuovo progetto.

Uso solo materiali di alta qualità, sia nuovi che vintage e realizzo accessori in numero limitato, a volte ooak. 
Non amo produrre in serie, così come non amo chi si veste in modo "omologato".. basta un piccolo dettaglio per rendersi originali, anche se si indossano semplici jeans e t-shirt.

Nel corso degli anni ho avuto la soddisfazione di incontrare sul mio percorso persone che mi hanno capita, che hanno apprezzato la mia visione di una donna che non teme di affermare sé stessa come individuo unico, speciale ed irripetibile.. una donna attenta alle tendenze della moda, ma in grado di reinterpretarle e che non si sottopone ciecamente ai dettami imposti alla massa.

Ho avuto l'immenso piacere di essere recensita su riviste a tiratura nazionale (Cucito e Ricamo, Il corriere della Sera ecc. ) e su prestigiosi magazines on-line.
Ma il piacere più grande me lo danno le mie Clienti quando sono orgogliose di indossare le creazioni Call me Mimì e mi scrivono mail dolcissime.
Ecco, è questa la molla che mi fa continuare a lavorare con entusiasmo, senza tener conto delle ore e senza sentire la stanchezza.

In questi periodi di crisi economica e sbandamento sociale, dove tutte le precedenti certezze sono state annullate, io spero che la gente ritrovi valori veri, importanti nel passato ma oggi purtroppo dimenticati.
Ogni creazione di ogni artigiano necessita di ore di lavoro, di pazienza, passione e dedizione. Da questo scaturiscono prodotti unici, pezzi originali e di alta qualità.
Mi aspetto che la gente percepisca questo: che senza omologarsi e senza spendere cifre irraggiungibili, si può ottenere un guardaroba originale ed elegante, oppure modaiolo o divertente.

Non ho idea di quale sarà il mio percorso nel futuro, io “navigo a vista”...non so cosa, come e quanto realizzerò, le idee e i nuovi progetti mi colpiscono senza preavviso e senza che io possa pianificare.
A volte tutti insieme, come una valanga.
A volte uno alla volta quasi col contagocce.
L'unica sicurezza che ho è che Call me Mimì continuerà ad esistere e a crescere finché io continuerò ad esistere e crescere.

Le mie creazioni sono disponibili on-line

..ho anche una pagina Facebook


E partecipo a festival e mercati di handmade, chi cerca Call me Mimì la trova sempre facilmente :)

4 commenti:

  1. Che emozione !!!
    Grazie mille per aver scelto di parlare di Call me Mimì nel vostro stupendo blog :)
    Lucia felice !

    RispondiElimina
  2. Bellissima intervista!
    Complimenti!

    RispondiElimina