venerdì 18 gennaio 2013

VereV. Perché cambiamento non è sinonimo di miglioramento

Buon pomeriggio cari lettori,
Augurandovi un buon fine settimana siamo a raccontarvi il percorso del brand VereV della genovese Verena.

"VereV nasce dalla fusione tra l’abbreviazione del mio nome e l’iniziale del cognome, VereV si legge [verevù] sia dritto che rovescio: mi ci identifico perchè a seconda di come cambia il vento e le situazioni, io resto impassibile e mi adeguo (a volte con fatica) ai cambiamenti. VereV non è un brand, sono IO che seguo i miei sogni, nella speranza, un giorno, di vederli realizzati".

VereV si rivolge a piccole e grandi donne che hanno voglia di uscire dal solito clichè che impone la moda, che hanno voglia di osare e di distinguersi dalla massa.





"Mi chiamo Verena, ho 32 anni (ma ne sento sempre 23) ,vivo a Genova, città chiusa e “antica” ma che sa farti mancare il respiro quando non sei lì.
Sono mamma full-time e mi interesso di moda, costume, culture e tradizioni, italiane, ma soprattutto estere. Amante da sempre della creatività e del pezzo unico, attualmente mi diletto tra lane, cotoni, stoffe e... macchina fotografica altra mia grande passione! Il tutto mentre gioco con mio figlio, cucino, sto al pc, pulisco e mi informo.... ecco si, INCASINATA è la mia parola d’ordine! :)"


Cosa vuoi trasmettere con le tue creazioni? 
Il primo impatto che si nota guardando quello che creo, e che poi fotografo, riguardo, modifico, è il colore. Colore, per me è un aspetto fondamentale nella vita di tutti i giorni, che ti fa cambiare la giornata, che ti fa apparire radiosa, solare, triste o arrabbiata agli occhi dei tuoi interlocutori. Il colore comunica e vorrei che le mie creazioni trasmettessero uno stato d’animo, una personalità da chi le indossa.

Cosa pensi del mondo dei blog? I Blog sono una grandissima risorsa, un mondo a parte, ho iniziato a seguirli anni fa interessandomi solo al mondo del fai da te, oggi seguo di tutto, non riesco a farne a meno. E’ dai blog che si apprendono tante cose, in primis quello che accade nella tua città, consigli, usi e costumi. Sono così preziosi che per non perdermene neanche uno mi ci vorrebbe una postazione pc solo per quelli!

Qual'è stato il tuo percorso? 
“impara l’arte e mettila da parte” è il mio motto. Grazie alla pazienza e alla manualità dei nonni, figure per me insostituibili, ho iniziato fin da piccola a osservare i loro lavori da autodidatti, ricamo e uncinetto da parte della nonna e falegnameria e bricolage da parte del nonno la curiosità e lo stupore nel vedere il prodotto finito hanno avuto la meglio e cosi sono iniziati i primi ricami e lavoretti... il mio percorso è sempre in crescita, fino a un anno fa non sapevo tenere in mano un uncinetto, domani.... chissà!



Com'é iniziato il progetto VereV? 
E’ iniziato dai mille incoraggiamenti delle amiche, e non finirò mai di ringraziarle!
 

Come vedi il mondo della moda in futuro? 
In decadenza, tutto scorre e tutto torna, sembra che gli stilisti stiano rivalutando l’handmade, il pezzo unico e non seriale : spero che un giorno questa “parvenza” diventi realtà.

Quali sono i tuoi prossimi progetti? 

Andare avanti, sempre coi piedi per terra e costruirsi giorno dopo giorno, per l’anno prossimo farò parte, insieme ad altre creative di un certo livello, della redazione di.... Non si dice, altrimenti mi linciano! Ma sarà una bella novità in cui crediamo tantissimo!

Qual'è il tuo sogno nel cassetto?
 …. lasciamolo nel cassetto ;) … ma sogno una bellissima città non lontana da qui che ogni volta mi fa battere il cuore!

per contattare la creativa: bandanavere@yahoo.it
pagina FB: http://www.facebook.com/VerevCraftAccessories

4 commenti:

  1. Grazie di cuore raqassuole! :)
    SSSmuack!

    RispondiElimina
  2. grande vere bravissima continua cosi.......... :)neyra

    RispondiElimina
  3. Complimentoni anche a te Vere!!! Bella intervista!!

    RispondiElimina